Your address will show here +12 34 56 78
Leggere

Cinque domande, 120 secondi per rispondere ad ognuna: 120g intervista le maggiori firme di architettura ed ingegneria della Toscana sui temi di Tuscanyness, Paesaggio, Bellezza, Metodo, Fare Architettura.


Stampa

02 03
04

0

Il volume raccoglie gli spunti metodologici, i contributi più significativi nonché una selezione degli esiti progettuali del laboratorio di progettazione 2C della Facoltà di Architettura di Genova, condotto per gli a.a. 2010-2011 e 2011-2012 da Riccardo Miselli con Eleonora Burlando, avente come tema la residenza collettiva ed orientato nella direzione di aprire una riflessione della specificità come principio di sostenibilità dell’architettura e suo strumento di riscatto nella contemporaneità.



059_genova-fr

01 02 03

0

Esplorare

Quattro ricette urbane che si interrogano sul rapporto tra pubblico e privato nella definizione architettonica di uno spazio urbano. Perchè uno spazio urbano si deve sempre intendere come spazio di pertinenza solo pubblica? Non è forse vero che il privato, attraverso i propri interventi modifica e spesso compromette in maniera irreversibile la qualità di uno spazio urbano pubblico? E allora dove finisce il pubblico e inizia il privato? Dove e come il privato può migliorare la qualità dello spazio pubblico? Dove e come lo spazio pubblico può aiutare e migliorare la qualità di vita delle singole persone, del privato? Le ricette esplorano le diverse soluzioni possibili attraverso la definizione di altrettanti temi: i salotti urbani, le superfetazioni, le protesi urbane e i ruderi urbani.

01
02
03
04
05
06
07
08
09
010
011

0

Esplorare

Le architetture onomatopeiche misurano la distanza-identificazione tra uomo e architettura. Una forzatura dell’atto creativo…un cortocircuito che genera “mostri poetici” come nelle coraggiose esperienze del dott. Frankenstein: ma “potrebbe andare peggio: potrebbe piovere!”.

01
02
03
04 05 06
07
08
09

0

NO OLD POSTSPage 2 of 2NEXT POSTS