Your address will show here +12 34 56 78
Leggere

La collisione è una misurazione legata alla capacità di rendere partecipe l’architettura alla complessità del mondo che la circonda…mondo che noi chiamiamo supercontesto. Il  supercontesto racchiude l’insieme delle relazioni possibili di un luogo: è il cuore della collisione! La collisione in architettura è il punto di partenza di ogni progetto che elaboriamo ed è legata alla sua dimensione concettuale e poetica, ma anche a quella delle forme.  C’è un’affermazione  di Fuller che fotografa bene il nostro modo di agire: “quando lavoro a un progetto non penso mai alla bellezza. Penso solo a come fare il progetto. Ma quando ho finito, se il progetto non è bello, allora capisco che non funziona”. 

lab212_mdu_def_02

0

Esplorare

Il progetto del Macrolotto Zero, una storica area industriale ai margini delle antiche mura di Prato, diventa l’occasione per sperimentare nuove possibilità di interveto attraverso processi di rigenerazione del tessuto urbano esistente. Il progetto dell’esistente, una trasformazione che passa attraverso una crisi dell’esistente stesso…la trasformazione allora, diventa il progetto di una crisi!

Model

02 03

0

Esplorare

Dove il culto del patrimonio è forte e radicato, una fabbrica dismessa, quand’anche ritenuta brutta, è un monumento. La si può adattare a qualsiasi altro uso ma non la si deve demolire, pena la cancellazione della traccia mnemonica. Ed ecco la brillante invenzione dell’architetto…MDU architetti avvolgono l’ex-fabbrica dismessa in una cortina semitrasparente. Ne risulta una perfetta messa in scena della memoria. Il ricordo è una sfocatura, una trasfigurazione. Il ricordo crea il passato a cui rinvia e il passato di se stesso.

spazio-a
Model
04
05

0

Esplorare

I rifugi sono il progetto di una misurazione mentale e fisica dove corpo e mente si uniscono e si intrecciano. Un viaggio che attraversa luoghi diversi tra occidente e oriente dove la solitudine viene contaminata dai luoghi stessi determinando una condizione differenziale percepibile e misurabile.

01 02

File Name            	:DSCN1014.JPG File Size            	:702.2KB(719049Bytes) Date Taken           	:0000/00/00 00:00:00 Image Size           	:2048 x 1536 Resolution           	:300 x 300 dpi Number of Bits       	:8bit/channel Protection Attribute 	:Off Hide Attribute       	:Off Camera ID            	:N/A Camera               	:E885 Quality Mode         	:N/A Metering Mode        	:Matrix Exposure Mode        	:Programmed Auto Speed Light          	:Yes Focal Length         	:8 mm Shutter Speed        	:1/178.8second Aperture             	:F7.6 Exposure Compensation	:0 EV White Balance        	:N/A Lens                 	:N/A Flash Sync Mode      	:N/A Exposure Difference  	:N/A Flexible Program     	:N/A Sensitivity          	:N/A Sharpening           	:N/A Image Type           	:Color Color Mode           	:N/A Hue Adjustment       	:N/A Saturation Control   	:N/A Tone Compensation    	:N/A Latitude(GPS)        	:N/A Longitude(GPS)       	:N/A Altitude(GPS)        	:N/A

04
05 06 07 08 09
010

0

Leggere

L’Istituto Italiano di Cultura di Toronto ha avviato una serie di mostre e conferenze dedicate all’architettura italiana dal titolo Italy Under Construction. Un nuovo programma, promosso in collaborazione con la University of Toronto, il cui scopo è presentare al pubblico canadese una selezione della nuova produzione architettonica italiana e discutere i fondamenti culturali e teorici che ne sono alla base.

public-ambitions_1000

02
03
04
05

0

Leggere

Opere…strumento privilegiato di riflessione, occasione, rifugio mentale di approfondimento, luogo dove incontrare e scontrarsi con  idee e opinioni, spazio dove confronto e provocazione diventano opportunità per sentire con gli occhi, vedere con il corpo e agire con la mente…Opere, operare, fare!

opere-33
opere-31
opere-35
opere-34

0

Esplorare

Il fiume è il segno ordinatore a posteriori, un’origine che giunge solo alla fine, solo dopo e per questo capace di cambiare tutto. Adesso, grazie a questa operazione di archeologia del futuro, la città si modificherà rispetto ad esso.

Il fiume è l’originario atto di fondazione mancante.

Il fiume incide il paesaggio come l’aratro smuove la terra per dare vita alla nuova vita.

Il fiume…flusso bianco, astratto, lente anse.

Il fiume…generatore di collisioni tra le diverse identità di questo paesaggio.

Il fiume…segno perpetuo che modifica.

invito OK2 16*16

02
03
04
05
06

0

Esplorare


Il secondo Master-Lab Architettura|Ambiente è programmato su una Faculty che include molti tra i più interessanti e innovativi progettisti italiani. I temi del Master saranno sviluppati mediante un sistematico lavoro progettuale con organizzazione dei partecipanti individuale o in piccoli gruppi, come un superstudio-laboratorio. In 5 mesi di attività si realizzeranno almeno 3 progetti.

master-salerno

04
03 Model

0

Esplorare

LAC Brescia si pone come principale obiettivo l’organizzazione e la promozione di una serie di attività che valorizzino quelle esperienze dell’architettura contemporanea conosciute per la loro qualità, con il fine di coglierne gli elementi costitutivi per poi promuoverli attraverso la loro diffusione.

lac

02
03
04

0

Leggere

Il vuoto non risiede nell’architettura ma nella cultura del progetto.

Il pieno induce a mantenere la giusta concentrazione, ad avere più desideri che rimpianti.

Il vuoto stimola la riflessione.

Il pieno stimola l’azione.

copertina-vuoto
02
03
04

0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 2NO NEW POSTS